Il nome dell'Associazione è in omaggio a Sri Tilopa (928-1009 o 988 - 1069), mistico mahasiddha indiano del Buddhismo Vajrayana e ideatore del sistema di pratica spirituale noto come Mahamudra volto al conseguimento veloce dell'illuminazione. 

IL CENTRO


L'ideale che perseguiamo conduce alla riflessione filosofica tesa a comprendere ciò che è o dovrebbe essere la metafisica realizzativa nella cornice spirituale dei nostri giorni e sullo sfondo della Tradizione Unica. In altre parole, la spiritualità vivificata dalla nostra ricerca è Filosofia nel termine primitivo, teoria e pratica della verità trasmutatoria.  Non apparteniamo a lignaggi, credo o sincretismi di qualsiasi ordine e grado, li superiamo semplicemente divenendo impassibili osservatori, consapevoli delle insidie generate dagli schemi, dai dogmatismi e dal fanatismo. Amando la Verità espressa dalla saggezza universale, pratichiamo il Bello con semplicità e umiltà, nel rispetto delle altrui credenze, senza volerla in alcun modo imprigionare in una definizione.

____________________________________________


I fondatori dell’associazione sono dediti alla meditazione e alla ricerca basata sullo studio di sé per conoscersi e perfezionarsi. Desiderano che le differenze culturali rimangano solo diversi modi di esprimersi e non affermazioni negative e impositive del credo nel quale ciascuno crede di aver incontrato la luce. Essi sono convinti che la luce tocchi il cuore dell'uomo nella forma più appropriata e consona alla sua natura e che l'Intelligenza Suprema conduca la mente umana alla consapevolezza piena dello stato naturale, l'illuminazione. 


 





SRI TILOPA

"Prendiamo coscienza del pensiero come entità, del suo movimento e del condizionamento che provoca in ciascuno di noi. La sofferenza parte da qui e qui va ad estinguersi ...  "         (Swami Shanti Sarasvati)

_______________________________________________________________________________________


Nel 2000 Shanti ha fondato l’Associazione Culturale Mahamudra, di cui è guida spirituale. Convinto che l'autentica spiritualità non possa e non debba essere in alcun modo commercializzata, Swami non chiede nulla per sé.